Recensione Nokia X2

Chi non conosce il Nokia X2? Non poteva che essere un successo, anche se oggi lo consideriamo un reperto storico uscito 2014.

Semplicemente Nokia X2

Uscito nel 2014 in una confezione extracompatta, al costo di 110 euro, il Nokia X2 ha subito attirato l’attenzione di molti. All’interno della confezione, oltre al cellulare, erano alloggiati il caricatore da viaggio, i manuali (ancora cartacei), le cuffiette in-ear, gli auricolari stereo muniti di jack da 3.5 mm, una micro SD da 2GB contenente la pc suite. Il cavo dati non era compreso nella confezione d’acquisto. Il Nokia X2 è una creazione candy bar che utilizza il sistema GSM quadribanda. Non è munito di UMTS e neppure di wi-fi. Per la connettività si può utilizzare solo GPRS/EDGE e il bluetooth stereo.

La sua figura è veramente mignon, con dimensioni e peso veramente minimal: sicuramente un telefonino da portare ovunque, anche in tasca. La back cover in alluminio, insieme alla leggerezza, offre una discreta eleganza. Lo schermo da 2.2 pollici ha una risoluzione di 320×240 pixel ed è munito da 260.000 colori. I colori sono molto brillanti e la lettura è consentita anche in pieno sole. Sul retro è stata posizionata una fotocamera da 5.0 megapixel, senza autofocus ma con un flash a led. La linea è completata dalle fessure dell’altoparlante stereo. Le dimensioni ridotte ( 111x47x13.3) e il peso inesistente (81 grammi) lo trasformano in un oggetto da utilizzare ovunque, senza essere invadente.

Sul lato sinistro si trovano i comandi del lettore musicale e a destra si trovano quelli del volume e della fotocamera. Sempre sullo stesso lato è posizionata anche la slot per la micro SD. La tastiera è stata un po’ una delusione visto la durezza delle plastiche utilizzate che costringono a sprigionare una determinata pressione per poter scrivere. Nella parte superiore del Nokia X2 sono posizionati i punti di accesso per i jack del caricatore, del cavo dati (non in dotazione) e le cuffie.

Usare un Nokia X2

Il sistema operativo utilizzato da questo cellulare è ormai senza segreti e consente  di scegliere le icone e personalizzare la home screen. Chi ama l’essenziale può eliminare tutto e tornare al display ordinato e pulito.

L’audio telefonico e musicale sono molto validi, meno l’utilizzo di messaggistica ed e-mail che si ritrovano a fare i conti con una tastiera un po’ troppo rigida. È possibile navigare sul web grazie ad Opera Mini oppure scaricare le app o accedere ai social network tramite Ovi Store.

 L’attività principale di questo cellulare, però, è la musica e lo testimoniano la radio RDS e le ampie fessure dell’altoparlante stereo. Meno intrigante la fotocamera.