Lavanderia in casa? Bastano pochi accorgimenti per realizzarla

A molti può apparire come un piccolo lusso, uno spazio da ricavare per sottrazione ad altri che potrebbero avere la priorità: in realtà, avere una lavanderia in casa è una soluzione comoda e pratica per organizzare al meglio le faccende domestiche, e riuscire ad attrezzare quest’area è tutt’altro che complicato, seguendo alcune linee guida basilari.

Come fare una lavanderia in casa

La prima cosa da considerare, infatti, è che non serve dedicare alla lavanderia un’intera stanza o uno spazio necessariamente ampio, perché con la giusta idea la “zona lavanderia in casa” può essere realizzata anche in un piccolo ripostiglio, un sottoscala o un disimpegno. È però il bagno la stanza che meglio si presta a ospitare questa attività, e alcune soluzioni semplici ma ben congegnate ci permettono di arredarla al meglio e in modo funzionale.

Gli elementi necessari in una lavanderia sono: la macchina lavatrice ed, eventualmente, un’asciugatrice; un asse da stiro; un cesto per raccogliere i panni sporchi; l’asse da stiro; il tendi biancheria pieghevole e, non ultimo, il lavatoio e altri mobili che completano l’ambiente.

Gli accorgimenti per completare l’ambiente

L’obiettivo che dobbiamo avere in mente è quello di rendere questo spazio funzionale e allo stesso tempo accogliente. Da questo punto di vista il sito di Iperceramica è un utile riferimento: il noto brand infatti propone un’ampia selezione di mobili per lavanderia e di complementi che ci possono aiutare a semplificare le attività di lavaggio, asciugatura e stiratura dei capi d’abbigliamento, senza trascurare l’aspetto estetico gradevole dell’intero ambiente.

Ciò che conta è scegliere i mobili in maniera accurata, tenendo conto di diversi fattori, quali gli accessori e i dispositivi di cui abbiamo bisogno per effettuare al meglio le varie attività, il design complessivo dell’abitazione e lo spazio a disposizione, che forse è la variabile principale.

Come scegliere bene i mobili

Valutate le varie opzioni, possiamo quindi selezionare il modello ideale di mobile lavatoio, della giusta dimensione e forma per integrarsi con l’arredamento della stanza e agli altri mobili, e sufficientemente capiente anche per accogliere (e nascondere) detersivi o cesti, così da sottrarre il caos alla vista degli ospiti e tenere sempre tutto in ordine.

Se lo spazio è ristretto, potrebbe essere utile optare per un mobile lavatrice con lavabo o sui modelli incolonnati, pensati per sfruttare lo spazio in altezza e mettere più di un elettrodomestico uno sopra l’altro.

L’importanza dei materiali

Ci sono poi altri elementi davvero cruciali da prendere in considerazione per una zona lavanderia perfetta, come la scelta del materiale per i mobili: lo spazio per le faccende è infatti soggetto a grande umidità (soprattutto se localizzato in bagno) e bisogna evitare materie prime che non assicurano la necessaria resistenza.

In questo senso, un mobile per lavanderia in nobilitato o PVC si caratterizza come un complemento sobrio e funzionale, mentre il classico legno (oggi proposto in versioni anche colorate) viene trattato in maniera efficace per superare le prove del tempo e dell’usura, offrendo inoltre un colpo d’occhio più riconoscibile all’ambiente.

Stesso discorso vale anche per la qualità dei lavabi: in questo caso, si può andare sul classico e sul sicuro puntando su prodotti in ceramica di prima scelta, materiale comprovato per resistere all’utilizzo prolungato anche nel corso degli anni, oppure provare il polipropilene, un elemento che si sta rivelando duraturo e affidabile.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Assicurare una moto: quanto si spende in Italia?

Mer Dic 16 , 2020
Quanto si spende, in media, per assicurare una moto? Quando si valutano le spese da sostenere per acquistare un veicolo a due ruote i costi correlati alla relativa polizza di Responsabilità Civile, che è ovviamente obbligatoria per poter circolare, tendono ad essere trascurati, in realtà essi pesano non poco e, […]